Recensione “Io, te e l’infinito” di Elisa B

Buongiorno readers! Oggi vi parlo della serie “Io, te e l’infinito” di Elisa B

 

Sinossi

Isabel si è appena trasferita a Berkeley, California, per frequentare l’università che ha sempre sognato. A salutarla all’aeroporto oltre ai suoi genitori, ci sono il suo fidanzato secolare e la sua migliore amica.
Isabel è una ragazza timida, impacciata e odia il caos, il non seguire le regole… ama pianificare la propria vita ed organizzare tutto, nei minimi dettagli.
Quello che non sa è che la sua vita, la sua quotidianità cambieranno totalmente dopo aver conosciuto la sua coinquilina Nathalie, ragazza tatuata e sotto ogni aspetto il contrario di Isabel: scatenata, estroversa e festaiola.
Ma a sconvolgergli totalmente la vita sarà Jake Holders, donnaiolo che incarna tutte le caratteristiche di un cattivo ragazzo e la cui principale caratteristica è il non saper rispettare le regole.
L’attrazione tra i due è fortissima e nessuno dei due saprà resistere all’altro, portandoli a mettere in discussione i propri stili di vita, le proprie idee e le proprie abitudini.
Jake butterà giù tutti i muri che Isabel si è creata con tanta premura intorno , riuscirà a farla uscire dal suo guscio per portarla a capire chi è davvero, la persona che da sempre è tenuta nascosta dai pregiudizi e convinzioni create dal suo ragazzo.

Allora… quando ho letto la trama la prima volta ero molto titubante, mi sembrava la copia sputata di After di Anna Todd, non so se era un effetto voluto per vendere seguendo la scia di quest’ultimo o altro.
In effetti hanno molti punti in comune, lei che si trasferisce al college, lui tormentato e con un recente passato alquanto sconvolgente. Lei timida, tutta casa e scuola, lui che va con una ragazza diversa ogni settimana. A mio parere i personaggi sono molto più “veri” di quelli di after (ti prego Vania non uccidermi); nonostante tutte le difficoltà iniziali Isabel e Jake (si scusate mi ero dimenticata i nomi) provano a far funzionare le cose, anche se sono come il giorno e la notte. Il personaggio di Isabel mi è piaciuto particolarmente, è più “cazzuta” di quanto si possa pensare e di quanto lei stessa pensa! Lui per amore cerca di affrontare e superare tutti i suoi problemi, che sono ben giustificati tra l’altro.
eeeeeh… niente gente ve lo consiglio, tanto, se vi è piaciuto after dubito che non vi piacerà questo, forse non lo preferirete, ma vi prenderà di sicuro!
Ah sono 3 libri ma il primo è lungo il doppio degli altri, tanto che secondo me potrebbe essere considerato come 2 XD

Voto

Facebook Comments
Like
Precedente Recensione "Storia di una ladra di libri" di Markus Zusak Successivo Recensione "Il diario di Anne Frank"

Lascia un commento