Recensione “Buonanotte a te” di Roberto Emanuelli, a cura di Maria Pina

Ed ecco una nuova recensione della nostra Maria Pina. Buona lettura!

TRAMA
Capita a tutti, sai? Capita a tutti di guardare le stelle, prima di addormentarsi, e desiderare che ci regalino qualcosa di buono. Capita a tutti, alla fine di una giornata storta, di sperare che quella dopo sia migliore. Capita a tutti di credere nel destino. Ma il destino, a volte, è solo una scusa. Il destino esiste se noi ne siamo padroni: lui ti passa accanto, sta a te decidere se coglierlo al volo o lasciarlo andare. È quello che succede ai protagonisti di questa storia. Due coppie, due mondi apparentemente lontanissimi che si sfiorano come universi paralleli, con un unico vero punto di contatto: l’amore. Sally è giovanissima, esplosiva e passionale, cerca la sua strada e vive sempre alla massima intensità. Quando canta, la sua voce è pura magia; quando ama, dà tutta se stessa, anche se sa che chi mette il cuore nelle mani di qualcun altro spesso rischia di farsi male. Simone, invece, ha trentacinque anni e si è già perso. Dell’amore sembra essersi dimenticato, perché ha fatto altre scelte: lavoro, soldi, successo, un futuro già scritto in cui adesso fa fatica a riconoscere i suoi sogni. Eppure basta così poco per essere felici: sono i piccoli gesti quelli che ti cambiano la vita. Ed è grazie a un piccolo, grande gesto che i destini di Sally e Simone si incroceranno in un modo magico e inaspettato. Perché l’amore non è quello che poteva essere e non è stato, ma quello che sarà, se lo vorrai…

Sally è giovane, ha un’adorabile sorellina, un padre risucchiato dal lavoro, una madre con la quale, per fortuna, riuscirà a instaurare un vero rapporto madre e figlia, perché è facile vivere sotto lo stesso tetto, ma confrontarsi è più difficile.

Sally ha un fantastico gruppo di amici con il quale condivide tutte le gioie, i dolori e le frasi nelle quali si rispecchia. È fidanzata con Andrea, che ama alla follia, ma che purtroppo teme la stia tradendo… Quanto può incidere un errore nel farti perdere una persona?

“L’amore non è mica una questione di sola corrispondenza. Io ti ho amato, e amarti mi faceva stare bene, mi faceva sentire viva. Amarti è stato bello, è stato giusto, è stata l’unica via possibile.”

Simone convive con la sua compagna, è una ragazza adorabile, ma non ha occhi per accorgersi di lei, è troppo concentrato sul lavoro, sul dovere che viene prima di tutto… Eppure, prima era diverso… Lei decide di lasciarlo e torna dalla madre. Quando non c’è più, Simone si accorge della sua mancanza, ma sarà ancora in tempo per tornare indietro e riconquistarla?
Perché il tempo stringe e qualcosa di inimmaginabile le piomba sulla strada…

Buonanotte a te è un romanzo molto attuale, nel quale ognuno ci si può rispecchiare, zeppo di frasi da sottolineare e custodire.
Un inno al volersi bene, a seguire il cuore, i propri sogni, a non andare contro i propri valori…

Mi sono piaciuti molto i capitoli alternati delle varie vicende delle coppie, la loro brevità ha reso ancora più fluida la lettura.
Nel romanzo ci sono numerosi riferimenti a canzoni, film e libri.
La scelta della copertina è stata geniale secondo me; può essere personalizzata e resa unica, come ben specificato anche dall’autore.

Saprete forse che sono di parte, ma è davvero un romanzo che va letto assolutamente, consigliato a tutti, perché anche se ci si perde l’importante è ritrovarsi.

Voto

Facebook Comments
Like
Precedente Segnalazione "Lo sconosciuto che mi guarda" di Giulia Amaranto Successivo Release Blitz "Vali ogni rischio" di Giovanna Roma

Lascia un commento