Review Party “Una scrittrice troppo bugiarda” di Eveline Durand, a cura di Maria Pina

Buongiorno readers! Oggi Maria Pina partecipa al RP di “Una scrittrice troppo bugiarda”, il primo libro della Too Much Series di Eveline Durand.

Prodotto fornito dalla casa editrice ai fini dell’evento. 

SINOSSI
Patricia ha un sogno: quello di diventare scrittrice. Ma la strada per arrivare al successo non è poi così semplice. Tutti sembrano amare le storie piccanti e lei non è capace di scrivere scene spinte. Capitano a fagiolo, quindi, i diari della zia Brie, erotici e romantici al punto giusto, da cui trarre ispirazione. Il ritorno di Samuel Fenwick nella sua vita, però, le fa capire che l’erotismo non è soltanto una favola da mettere per iscritto sul suo blog, ma è un desiderio che arde sottopelle e che brucia dentro fino a farle fare scelte azzardate e senza logica. Una notte ancora, solo una, con un uomo ricco che le ha rubato il cuore da ragazza. Sembra volerlo anche lui, mentre lo sguardo le accarezza il corpo e le dice che non ha dimenticato. Pat non sa cosa fare, ma una cosa è certa: un uomo come Sam non può essere soltanto un’avventura, perché per lei Samuel è ancora il ragazzo sorridente e romantico che l’ha fatta sognare al faro, non l’uomo ricco e snob della famiglia che spadroneggia in paese.

Pat è la nostra protagonista. È una ragazza che lavora in una tavola calda e abita con suo padre e suo fratello, contribuendo alle spese famigliari. Ha un blog dove pubblica ciò che scrive.

Sua zia è depressa, non parla ormai da anni, è in una casa di riposo, dalla quale rischia di essere cacciata a causa dei suoi scherzi. Sua nipote le sottrae i suoi preziosissimi diari segreti, e mai si sarebbe aspettata di leggere vicende ad alto contenuto erotico. Coglie la palla al balzo e, con l’appoggio dell’amica e il permesso della zia, si decide a pubblicarli.

Riscuotono così tanto successo che una casa editrice le propone un contratto.

“«Questa roba è forte. Devi assolutamente pubblicarla» esce fuori dalla sua boccuccia a cuore, rimarcando ancora di più i miei dubbi. «Sono i ricordi di zia Brianne, sei impazzita?» «Avanti, Pat. È una vita che scrivi racconti rosa su quella ridicola piattaforma. A parte alcune tiepide seguaci non ti si fila nessuno.»”

Ma questo libro può narrare soltanto di ciò? Eh, no! Perché tra tutte queste vicende ricompare il ricco Sam, il ragazzo altezzoso ma con un sorriso tanto grande d’aver fatto prendere anni fa la prima cotta a Pat.

“«Non scherzo. Ho rotto da poco con la mia fidanzata storica, non ho alcuna intenzione di iniziare niente di serio, ma ho voglia di stare un po’ con te, magari solo per passeggiare, che ne dici?» Dov’è la fregatura? Guardo la sua mano tesa verso di me, un gesto galante che nessuno degli zoticoni tra le mie conoscenze si è mai sognato di dedicarmi.”

Scopre che si è lasciato con la sua ragazza e, dopo un incontro da far sciogliere, per i più romantici, ci sarà una notte da… 

Vorrei davvero tanto raccontarvi come prosegue, ma l’argomento sarebbe un po’ bollente, e poi vi rovinerei tutta la sorpresa… non si fa.

Nel corso del libro possiamo assistere alla crescita di Patricia, che è un personaggio con tutte le debolezze umane. Cambierà prospettiva nel vedere le cose e il suo carattere si fortificherà, come in ogni buon romanzo che si rispetti.

Il linguaggio utilizzato è semplice, reso molto scorrevole anche da vere e proprie battute esilaranti. La parte erotica è molto calda e ben descritta.

Lo consiglio a tutte/i coloro che vogliono trascorrere qualche ora leggendo qualcosa di leggero, romantico e caliente.

Voto

Ed ecco il banner con il calendario e gli altri blog partecipanti!

Facebook Comments
Like
Precedente Segnalazione "Dita come farfalle" di Rebecca Quasi Successivo Blog Tour "I destinatari" di Elisa Piccinelli, Prima Tappa

Lascia un commento