Recensione “Con questo anello” di Linda Lercari

Hola readers,

eccomi con una nuova recensione per la Collana Senza Sfumature “Con questo anello” di Linda Lercari.

Sinossi

Marco Carteri ha quasi tutto: denaro, potere e un fascino irresistibile. Solo un tassello manca alla sua completa felicità: Sara. Nato come un semplice svago sessuale, il loro rapporto è maturato in un crescendo di morbosa attrazione e gelosia. L’uomo non può concepire la libertà di lei o la sua assenza, nonostante fra loro non sia possibile alcun altro tipo di legame se non quello clandestino… Oppure no?  Sara sarebbe la compagna perfetta: intelligente, riservata e appassionata. Una semplice segretaria, ma dai mille talenti nascosti, che solo Marco ha saputo scoprire. Lasciarsi sfuggire una simile perla solo per la differenza di status sarebbe una mossa sciocca, ma il cuore di Sara è pronto per un impegno a lungo termine?
Iniziata con “Il guinzaglio” la storia fra i due è arrivata a una svolta. Riuscirà Marco a legare a sé la dolce, caparbia ragazza?

È il quinto libro di una serie. I primi libri non li ho letti, non so com’è iniziata la storia, ma non mi è pesato, perchè è vero, sono autoconclusivi, sono come episodi, e durante la narrazione viene svelato abbastanza del passato per poterli tranquillamente leggere separatamente se vi fa piacere. 

Sara è una giovane donna iniziata alle gioie del sesso da Marco, il suo capo nella ditta dove lavora. È il classico rapporto padrone e sottomessa. Lei è ancora un po’ combattuta, le piace questo tipo di rapporto, ma non si riconosce appieno, non si capacita di come possa desiderare tutto ciò.

Si vergognò di quanto poteva essere perversa, di quanto potesse essere torbido il suo inconscio. […] la femmina bramosa di sesso violento che Marco aveva saputo risvegliare, era una persona a lei sconosciuta e questo la spaventava

Marco è un giovane uomo a capo di un’azienda, anzi, di un’impero. Nonostante sia un uomo abituato a stare al comando, consapevole del proprio potere, è costretto a subire le pressioni del padre, uno di quelli vecchio stampo, desideroso di sistemare in fretta il figlio con una donna importante sia socialmente che economicamente.

Marco però non è per niente d’accordo. Non sopporta molto la donna che il padre vorrebbe fargli sposare, soprattutto da quando ha conosciuto Sara, ma lei non è una donna facoltosa, è solo una segretaria; allora perché ne è così affascinato? Cosa sono questi sentimenti che inizia a provare? Non ne viene a capo, per lui è sempre stata una questione di sesso, di dominazione, i sentimenti non sono mai rientrati nell’accordo. 

Una lettura scorrevole e non troppo impegnativa. L’ho trovato scritto bene, con delle descrizioni sicuramente fantasiose. Avviso che ci sono delle scene, sia di sesso che non, che potrebbero non essere adatte ad un pubblico facilmente impressionabile.

Voto

 

Facebook Comments
Like
1
Precedente Recensione "Dirty Dom - Valetti Crime Family vol.1" di Willow Winters Successivo Segnalazione "Deliziosamente impavida" di Luisa Hoffman

Lascia un commento