Quattro chiacchiere in compagnia #5

Ben ritrovati con il consueto appuntamento del giovedì, readers! La questione di oggi riguarda una domanda che ritrovo spesso nel web, e che spesso divide in due i lettori.

Mara chiede e propone:

Preferisci leggere i romanzi in versione digitale o cartacea? Quali pregi hanno questi due formati secondo te?
Cara Mara, bella domanda! Se me l’avessi fatta un anno fa, la risposta sarebbe stata totalmente diversa da oggi; il mio modo di leggere è molto cambiato non solo grazie al sostegno della tecnologia, ma anche a causa del mio essere blogger!
Fermo restando il fascino del cartaceo, e che credo seriamente di avere più libri in questo formato che capelli in testa, ad oggi preferisco il digitale. La comodità del kindle/kobo/cellulare/tablet è innegabile, ti puoi portare dietro un’intera libreria e anche di più in un minimo spazio e con poco peso. 
Ti ricordi quando fino a qualche anno fa per andare al mare o in montagna in vacanza dovevi per forza fare una selezione dei libri da portarti dietro? E che per non portarne 10 mila magari se ne sceglieva uno bello spesso? Ecco, questo problema, decisamente, non c’è più, ammettiamolo. Se poi si preferisce portare un libro, per carità, nulla da dire, ma per me è stata una vera e propria rivoluzione (anche perché in vacanza non esiste che io non passi per una libreria a fare shopping!)
Un’altro bel vantaggio dei libri elettronici è il prezzo, che può anche essere elevato (per certe ce ho visto ebook a 10 euro, e a quel punto mi prendo il cartaceo, ma vabbè…), ma di solito varia dai 99 centesimi ai 4 euro.
Comodità e prezzi stracciati sono sicuramente punti a favore di questo metodo di lettura, ma ti dirò, lo preferisco ancora per un altro motivo, anzi due. Il primo è che, per il blogging, spesso sottolineo e prendo appunti, e mi viene decisamente più facile sul kindle che non andare a ritrovare i vari appunti sparsi e frasi evidenziate in un libro (sì, sono quel tipo di mostro, quello che scrive a matita sui libri 😂). Mi risulta davvero più semplice così scrivere la recensione.
Il secondo motivo riguarda la comodità: io leggo prevalentemente a letto, e sono miope, ma tanto tanto, non ci vedo un’accidenti senza occhiali, quindi ho scoperto che il kindle, pesando di meno, si presta bene a questo mio problema, oltre al fatto che magari in inverno, con il freddo, posso rifugiarmi sotto le coperte con il kindle per cui, essendo retroilluminato, non mi serve nemmeno la luce accesa.
C’è da dire, però, che il cartaceo ha un fascino tutto suo, intramontabile, e non smetterò mai di leggerne. Ho notato un drastico calo di quantità di cartacei letti negli ultimi anni, altamente inversamente proporzionale alla quantità di nuovi acquisti, ma comunque… non so, prendendo in mano un libro, sfogliandone le pagine, annusandole, sottolineando a matita le frasi che più mi colpiscono (sono un mostro, ricordate?), ecco, mi sento quasi a casa. Se avessi un camino passerei ogni sera d’inverno lì davanti almeno un’ora con un cartaceo in mano, mi dà quell’idea di tradizionale, di imperituro, di felicità, come se potessi godermi meglio il viaggio che mi aspetta. 

Il lato negativo del cartaceo è il costo: per un lettore accanito come me non è plausibile comprare solo cartacei, le finanze scomparirebbero in fretta, nonostante ci siano le edizioni economiche. 

Per molti, un altro lato negativo è lo spazio occupato, e posso ben capire il dramma. Personalmente ho 4 librerie e non mi bastano comunque. Ho proprio dovuto dare un taglio agli acquisti quest’anno, ma il mio sogno? Hai presente la biblioteca de La bella e la bestia? Ecco. Penso che se potessi avere una casa con un’intera stanza dedicata solo ai libri sarei la donna più felice dell’universo.
Forse la mia preferenza non è così netta a pensarci bene e, come capita a molte persone in diversi ambiti, mi ritrovo divisa tra cuore e mente, ma non è detto che i due non possano coesistere, no?
Mara, fammi sapere la tua opinione in merito e la tua preferenza!
Lettori, secondo voi? Preferite il digitale o il cartaceo? Fatecelo sapere!

E se avete delle domande o argomenti da suggerire per un sano e stimolante confronto, non dimenticatevi di compilare il form, lo trovate qui!

Facebook Comments
Like
Precedente "Gli strani viaggi di Giulio Verne" - Blog Tour Successivo "Il taccuino delle cose non dette" di Clare Pooley - Review Party

Lascia un commento