Intervista a Mariarosaria Guarino

Buongiorno readers! 😍 
Oggi salutiamo la nuova settimana con l’intervista a Mariarosaria Guarino, vincitrice della gara cover della scorsa settimana! 
Buona lettura! 😘 

 

📚 Ciao Mariarosaria, benvenuta e complimenti per aver vinto la gara cover della scorsa settimana! Ci parli un po’ di te? 

🌺 Grazie per la bella accoglienza e ciao a tutti! Parlarvi un po’ di me? Va bene! 
Sono nata nel 1981 a Napoli. Sin dall’età di dodici anni mi sono cimentata nella stesura di racconti brevi, poi ho provato a scrivere un romanzo vero e da allora non ho più smesso. Amo annotare su carta i pensieri e tramutarli in storie che possano dar vita ai miei personaggi e adoro le loro avventure al punto da descriverle come se le stessi vivendo in prima persona. Il primo libro Fantasy che mi ha conquistata è stato La spada di Shannara, di Terry Brooks, poi seguito alla Spada della Verità, di Terry Goodkind. Grazie alla lettura, della quale non posso fare a meno, ho scritto diverse storie, ancora inedite, seguite dal mio primo romanzo, pubblicato in self e dal titolo “Oltre il buio dell’anima”, nato dalla collaborazione con mia sorella. 
Se un’idea mi colpisce, scrivo senza sosta fino ad aver completato ogni dettaglio, perché ritengo i miei personaggi una parte importante di me. Mi reputo un po’ folle da questo punto di vista, ma credo che sia la follia a rendere la vita un pizzico più interessante, e mi auguro che questa pazzia possa contagiare anche i lettori quel po’ che basta a strappare anche, soltanto, un sorriso. 
La mia passione nascosta sono i Drama e il mio sogno, oltre a poter condividere ciò che scrivo, è viaggiare e poter vedere il mondo, soprattutto Giappone e Cina che mi affascinano per cultura e tradizioni. 

📚 La scorsa settimana hai vinto la gara con la cover del libro “Cuore di tenebra – Hope in the Darkness”, ma so che hai scritto anche un altro libro, vero? Ti va di raccontarci qualcosa di tutti e due? Sono autoconclusivi o fanno parte di una/due saghe? 

🌺 Ho vinto la gara con la cover del libro “Cuore di tenebra – Hope in the Darkness”, è vero, ma come hai anticipato ho scritto anche un altro libro, pubblicato in self e dal titolo “Oltre il buio dell’anima”. Entrambe le storie sono urban fantasy con una nota romance e per ambedue ho scelto di rendere la storia autoconclusiva. 
Non nascondo di stare valutando l’idea di far incontrare i personaggi di entrambe le storie per scriverne una terza, ma lascio a voi scoprire se riuscirò mai a idearla e pubblicarla. 

📚 Come hai iniziato a scrivere? 

🌺 Direi che il primo passo per avvicinarsi alla scrittura è l’amore per la lettura. Da leggere storie fantastiche a sognare di poterne scrivere di altrettanto belle il passo è breve. All’inizio riempivo quaderni interi con racconti di diverso tipo dando libero sfogo all’immaginazione, poi dopo un sogno che non riuscivo a dimenticare e che anche da sveglia sembrava reclamare la sua “nascita” su carta, ho abbozzato il mio primo romanzo. 

📚 Da dove prendi l’ispirazione? 

🌺 Di solito le storie che scrivo nascono dalla mia fervida immaginazione. A volte eventi di vita reale, sogni, o addirittura un semplice discorso fatto tra amici sono stati sufficienti a risvegliarla. 

📚 Quando scrivi i tuoi romanzi, sei più tipo da improvvisazione oppure hai già una precisa linea guida in mente sin dall’inizio? 

🌺 Di solito parto da un’idea nata senza una spiegazione logica e da lì improvviso. Nel caso di “Cuore di tenebra – Hope in the Darkness”, ho deciso come strutturare la storia non appena l’immagine di Lucas mi è apparsa alla mente. Una volta messo a fuoco lui, avevo già le idee abbastanza precise su come far procedere il romanzo. Certo, durante la stesura ho dovuto raddrizzare la rotta e apportare delle piccole modifiche, ma tutto è andato esattamente come avevo programmato. 

📚 Come nascono i tuoi personaggi? 

🌺 I personaggi di cui scrivo sono frutto della mia immaginazione, per cui non li scelgo né decido come debbano essere, sono loro a presentarsi e a pretendere un posto nelle mie storie. 

📚 Hai un personaggio preferito? 

🌺 Li amo tutti, senza distinzione, e non posso dire di preferirne uno a un altro, perché ognuno mi ha lasciato qualcosa di importante aiutandomi a migliorare e crescere. 
Se ti riferisci a un personaggio che non sia nato dalla mia penna posso citarti Peter Pan, ma anche Sherlock Holmes. 

📚 Un pregio e un difetto come scrittrice? 

🌺 Forse, il mio pregio in qualità di scrittrice, è quello di essere una sognatrice e fare in modo che questo traspaia anche da ciò che creo. 
Il difetto più grande, invece, è che quando sono ispirata non c’è scusa che tenga e tutto passa in secondo piano: divento una macchina da guerra votata alla scrittura ossessiva. 

📚 Preferisci scrivere in silenzio o ascoltando musica? In questo caso, che musica ascolti mentre scrivi? 

🌺 Di solito scrivo in silenzio, di rado ascolto musica e, quando decido di farlo, mi lascio cullare dalla musica classica. 

📚 Cosa non mancherà mai nei tuoi romanzi? 

🌺 L’amore è un elemento imprescindibile nelle mie storie, una colonna portante, anche se mi piace rendere tutto più vivace inserendo di tanto in tanto un po’ di action, devo ammetterlo. 

📚 Che rapporto hai con i lettori? 

🌺 A dire il vero è difficile che i lettori interagiscano, o almeno questa è la mia esperienza. Per quei pochi che sono stati tanto carini da darmi il loro parere, ho cercato di essere disponibile. Non può esserci soddisfazione più grande del sapere che qualcuno ha letto uno dei tuoi lavori, pertanto credo che essere gentili sia il minimo. 

📚 Che tipo di lettrice sei, invece? 

🌺 Sono una lettrice compulsiva e mi piace leggere di tutto, anche se do molto più spazio ai fantasy che agli altri generi, perché sono l’essenza del mio essere. 

📚 Il tuo genere preferito, sia come scrittrice che come lettrice? 

🌺 Amo scrivere storie Fantasy perché mi permettono di immaginare mondi nuovi, realtà parallele, mi danno la possibilità di calarmi in dimensioni che mi fanno sentire viva e mi consentono di dare libero sfogo alla mia fantasia. Anche se comincio una storia, pensando: “Ok, questo sarà un romanzo rosa”, finisco sempre per introdurre nella trama una nota fantastica e tutto si trasforma in ciò che non doveva essere. È un genere che adoro e fa parte di me. 
Anche per quanto riguarda la lettura scelgo quasi sempre il genere fantasy, proprio perché mi permette di far volare l’immaginazione. 

📚 Il libro o i libri più belli che hai letto? Quelli più noiosi, invece? 

🌺 Ho letto diversi libri che ho considerato belli, a essere sincera. Il primo fantasy che ho letto e che mi ha conquistata è stato La spada di Shannara, seguito dal Signore degli Anelli e dalla Spada della verità, tuttavia ho adorato anche libri classici come David Coppefield, Jane Eyre e Sherlock Holmes. Potrei elencarne tanti altri ma vi risparmio l’elenco infinito dei testi che ho apprezzato e che mi hanno fatto sognare. 
Per quanto riguarda quelli noiosi, credo che tutto dipenda dal gusto di chi legge. Ci sono autori che non amo leggere perché non riesco a immedesimarmi nel loro stile, tuttavia non oserei mai dire che le loro storie sono tediose. 

📚 Hai qualche progetto “libroso” in mente? 

🌺 Quelli non mancano mai, per fortuna ho una fantasia abbastanza fervida. Per il futuro ho in cantiere due Fantasy distopici e due Urban fantasy, anche se mi piacerebbe cimentarmi in un Epic Fantasy e in un romanzo rosa. Sarei entusiasta se i lettori si appassionassero alle mie storie a prescindere dal genere e si lasciassero travolgere dai mondi nati dalla mia mente e dal mio cuore, è il mio sogno. 

📚 Qualcosa da aggiungere per i lettori? 

🌺 Non smettete mai di leggere, la fantasia è il motore del cuore e della mente. Non rinunciate a un pizzico di magia. 

Io ringrazio davvero tanto Mariarosaria per il tempo che ci ha dedicato e per le bellissime risposte! 
Spero che l’intervista vi sia piaciuta! 

A presto readers! 😘 

Facebook Comments
Like
Precedente Intervista a Marta Arvati Successivo Attenzione

Lascia un commento