“Absence. L’altro volto del cielo” di Chiara Panzuti – Review Party & Bonus Track

Buoooongiorno, readers! Finalmente è venerdì e Absence. L’altro volto del cielo di Chiara Panzuti, edito da Fazi Editore, è la recensione che vi propongo oggi. Grazie all’autrice per essere stata tanto gentile da inviarmi il libro, e a La Gilda delle Blogger per aver organizzato l’evento.

Absence - L'altro volto del cielo - Trama
Cover Absence. L'altro volto del cieloIn L’altro volto del cielo, nuovo capitolo della trilogia di Absence, è trascorso appena un mese dall’inizio del gioco insidioso di cui l’uomo in nero tiene le fila, e le coordinate dell’ultimo biglietto conducono Faith e i suoi compagni a Est. L’invisibilità è diventata per Faith, Jared, Scott e Christabel una strana routine, per sopravvivere in un mondo che non ha memoria di loro, e il motivo che li spinge a continuare il viaggio intrapreso per tornare a esistere. Ma il siero NH1 comincia a indebolire il fisico dei ragazzi e la conquista dell’antidoto si fa sempre più indispensabile. Soltanto Faith sembra resistere agli effetti collaterali e sviluppa un’inaspettata prontezza fisica e mentale. Sotto l’ombra dell’Illusionista e sulle tracce dei biglietti dell’uomo in nero, i ragazzi della squadra Gamma fronteggiano più volte le squadre degli Alfa e dei Beta: il gioco, però, comincia a svelare il suo lato crudele, che non accetta provocazioni né debolezze. Dopo uno scontro violento con una squadra avversaria nella base navale di Changi Bay, a Singapore, Faith scoprirà alcuni risvolti delle regole spietate dell’Illusionista e si troverà faccia a faccia con l’altro volto della competizione e di se stessa. Secondo volume della trilogia, L’altro volto del cielo mette in scena la battaglia interiore che divide Faith tra la lealtà verso i suoi amici e la fascinazione per un futuro da combattente, dimentica di tutti e da tutti dimenticata. A cosa saremmo disposti a rinunciare se ci venisse offerta una nuova possibilità per riaffermare noi stessi? La nostra identità consiste più nel ricordo di ciò che eravamo o in ciò che ancora possiamo essere? Un libro magnetico e profondamente attuale, dove la battaglia più difficile è quella con noi stessi.

Se il primo libro è stato talmente denso di eventi da impedirmi di sbilanciarmi troppo con la recensione (che trovate qui), anche questo non scherza, motivo per cui chiedo scusa in anticipo, ma non voglio rischiare di anticiparvi troppe cose.

©Credits

Dunque, Faith, Scott, Christabel e Jared hanno scoperto che tutto ciò che sta loro capitando altro non è che un esperimento con a capo un certo Illusionista. Gli effetti collaterali della somministrazione dell’ NH1 sembrano essere decisamente tremendi, così come dimostrato dal video ricevuto,  decisamente esplicativo. Sintomi che purtroppo i nostri protagonisti iniziano a manifestare, a riprova del fatto che l’invisibilità ha delle serie conseguenze: chi non riesce a fermare un tremito, chi non riesce a trattenere la cena nello stomaco, chi non riesce a rimanere fermo.

 

Era una cosa che capitava spesso nell’ultimo periodo: sentivo l’esigenza di menare le mani, e non c’era imbarazzo che potesse fermarmi, a volte le braccia si muovevano da sole.

Quel video avrà anche dato loro qualche risposta, ma alle vecchie domande insolute se ne sono aggiunte altrettante. Chi è questo Illusionista e perché fa loro questo? 
Perché ci sono tre squadre a cui sono concesse informazioni diverse?

Anche in L’altro volto del cielo continua questa specie di caccia al tesoro, un po’ come quella che facevamo da piccoli noi, ma questo non è un gioco, la posta è alta, non si vincono certo cioccolatini…

Così come nel primo libro, anche in questo gli insegnamenti non mancano, uno di questi? Mai fermarsi alle apparenze e questo l’autrice ce lo fa capire inserendo all’inizio e alla fine dei punti di vista differenti da quelli dei componenti della squadra Gamma. Forse che non ci sono buoni o cattivi? Forse solo vittime? Ovviamente non ho ancora una risposta – ma anche l’avessi non ve la potrei rivelare, lo sapete -, non ben definita almeno. Sono scorci ben apprezzati per ricordarci di vedere anche l’altra faccia, non solo guardarla, sentire quel suono dell’altra campana che così spesso preferiamo ignorare, troppo presi dalla complessità dell’azione, o dalla pigrizia di guardare al di là, semplicemente. 

Tra i quattro protagonisti il rapporto si intensifica parecchio, oramai non sono solo più compagni di squadra o amici, ma una vera famiglia.

“Introspezione” è la parola chiave di questo libro (semi cit. della mia vecchiaccia preferita! Se non lo scrivevo avrei passato guai, abbiate pietà…). Il loro non è un viaggio per il bottino, non solo, ma soprattutto è un viaggio alla scoperta del vero io e a tal proposito, una citazione per voi…

La domanda più importante che potete farvi è la seguente: “Chi sono io?”. Sfortunatamente, però, siamo talmente occupati a “vivere la vita” (a guadagnare denaro, crescere famiglie, gestire affari e intraprendere nuove carriere) da non fermarci mai a pensare chi siamo realmente. 

Mabel Katz

Liberi dalla varie distrazioni inutili di cui nemmeno ci accorgiamo, e messi di fronte a sfide simili, scoprire chi sono davvero, il loro essere, diventerà quasi un assoluto, non potranno sfuggire a questo. 

Era la nostra malattia che progrediva, e io riuscivo a rallentarla solo con la rabbia. Quando il desiderio di vendetta aumentava, quando sentivo il bisogno di agitarmi e prendere a pugni qualcosa, anche il dolore passava, lasciando il corpo più libero. Era una necessità di contrasto, ma non sapevo come gestirla. 

Di certo, un esperimento per cui molti psicologi e letterati potrebbero fare carte false e, d’altronde, non è uno dei temi maggiormente affrontati dai nostri antenati? 

Ma quando finalmente si guarda “l’altro volto del cielo” potremmo anche stupirci del panorama… 

A volte, la scelta tra chi si vuole essere e chi si è davvero è difficile e poco lampante… aspetto con ansia di leggere il terzo per vedere chi la spunterà…

E, oh, io ve lo dico: ho una nuova ship eh, non vi dico con chi ma, per chi ha letto il libro… sono l’unica o anche voi ci sperate un pochino?

Un libro che reputo avvincente, non solo per il tema principale, ma per tutte queste tematiche che l’autrice ha così magistralmente inserito, tematiche che rendono il libro adatto davvero a tutti, secondo me, perché fa riflettere, fa riflettere davvero, cosa che non dovremmo mai smettere di fare. 

Voto per Absence. L’altro volto del cielo

Ti è piaciuta la nostra recensione di Absence. L’altro volto del cielo? Seguici su Facebook, Amazon o iscriviti alla newsletter per non perderti le prossime recensioni 😘

E mi raccomando, non perdetevi le recensioni degli altri blog che partecipano all’evento! Ecco il calendario!

Facebook Comments
Like
Precedente "La Corte di Nebbia e Furia " di Sarah J. Maas - Review Party Successivo "Io sono Bianca" di Giorgio Mameli - Recensione

Lascia un commento